Studio

+39 338 542 30 49

email

dermatologocascio@gmail.com

Micosi delle unghie (onicomicosi)

ONICOMICOSI

Le micosi delle unghie  o “Onicomicosi” costituiscono un tipo di malattia delle unghie molto comune.

L’ onicomicosi è scatenata da microorganismi chiamati miceti: questi funghi, muffe o lieviti scatenano l’infezione, che può rimanere circoscritta in un’unica unghia, o può intaccare anche le altre.

Spesso sottovalutata, questa patologia andrebbe invece presa molto seriamente e curata opportunamente, perché può portare a infezioni anche gravi del letto ungueale. Il primo sintomo è un cambio di colore dell’unghia, per tale motivo, non appena si notano alterazioni cromatiche, sarebbe bene contattare subito il medico. Infatti, più si temporeggia, più si corre il rischio di danneggiarla permanentemente.

CAUSE

le onicomicosi sono frequentemente determinate dai dermatofiti, ossia da funghi che in condizioni normali  vivono a contatto con la pelle e le unghie dell’individuo senza creare alcun tipo di problema. Tuttavia, in alcune situazioni come, ad esempio, in caso di un calo delle difese immunitarie del paziente, questi dermatofiti possono iniziare a replicarsi in maniera incontrollata dando origine a vere e proprie infezioni.

I dermatofiti si riproducono in luoghi caldo-umidi ed è per questo che, solitamente, sono le unghie dei piedi ad essere interessate da questo disturbo. I piedi, infatti, esposti al calore e all’umidità che si generano portando scarpe e calzini, registrano una sudorazione notevolmente più consistente rispetto le mani

Ad ogni modo, oltre ai dermatofiti, anche lieviti e muffe possono provocare queste tipologie di infezioni.

A questo proposito, fra i principali responsabili delle onicomicosi, ritroviamo microorganismi appartenenti ai generi: Candida, Trichophyton, Epidermophyton e Aspergillus.

FATTORI DI RISCHIO

Come accennato, i luoghi umidi rappresentano un ottimo terreno di proliferazione per i miceti: questi funghi vivono negli spogliatoi pubblici, nelle piscine e nelle docce, e possono infettare le unghie penetrando nello spazio interposto tra il letto ungueale e l’unghia. Frequentare questi luoghi senza l’uso di calzature, quindi a piedi scalzi, è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo di onicomicosi.

Altri fattori di rischio sono:

  • ereditarietà
  • manicure ‘fai da te’ aggressive; uso eccessivo e rimozione di smalti e gel per ricostruzioni
  • la pessima abitudine di eliminare la pellicina che circonda l’attaccatura dell’unghia – il perionichio – che funge da barriera all’ingresso dei germi e dei batteri”.
  • I pazienti diabetici, infatti, sono particolarmente predisposti allo sviluppo di queste infezioni.
  • Età avanzata. a causa di una riduzione delle difese immunitarie e di una ridotta microcircolazione.
  • Abitudine di usare calze e scarpe strette che impediscono la traspirazione.
  • Sudorazione eccessiva.
  • Disturbi del sistema immunitario.

SINTOMI E COMPLICANZE DELLA MICOSI

L’unghia colpita da micosi, tende a cambiare il proprio colore sfumando generalmente dal bianco al giallino, le unghie possono diventare più spesse, oppure sgretolarsi lateralmente, provocando dolore, la superficie dell’unghia appare più fragile, friabile, deformata e spessa.

La micosi, progredendo, potrebbe creare un cattivo odore, indurre lo sgretolamento dell’unghia o, addirittura, provocare l’onicolisi (ossia il distacco, quindi la perdita, dell’unghia).

Inoltre, nei casi più gravi, l’onicomicosi potrebbe complicarsi ed aggravarsi sempre più, andando ad intaccare anche la cute del piede (o della mano), fino ad estendersi in altre zone del corpo.

Nei soggetti diabetici, le micosi delle unghie sono molto pericolose: le terminazioni nervose ed il circolo ematico possono essere compromessi, per cui anche un’infezione da parte dei batteri può provocare serie conseguenze.

TRATTAMENTO DELL’ ONICOMICOSI

Le onicomicosi non sono facili da debellare: non guariscono se non si interviene con farmaci appositi (antimicotici). Inoltre, sono molto contagiose.

Da qui, si può facilmente intuire come la miglior cura sia la prevenzione: l’igiene delle mani e dei piedi, unita a piccoli accorgimenti, può sicuramente giovare alla salute delle unghie.

Le unghie dovrebbero essere sempre pulite ed asciutte. A questo proposito, sarebbe opportuno evitare l’uso di calze di tessuti sintetici che non lasciano respirare i piedi.

L’intervento dev’essere immediato: il dermatologo, consiglia il trattamento farmacologico più adeguato per il soggetto, come farmaci antimicotici ad azione topica (smalti o pomate) o sistemica (farmaci ad uso orale).

Questi medicinali agiscono sul fungo, debellandolo, e favoriscono lo sviluppo di un’unghia nuova e non infetta. Purtroppo, il trattamento farmacologico delle micosi delle unghie è molto lungo, poiché l’unghia impiega dai 9 mesi ad un anno per crescere completamente.

Solo in casi molto gravi, il dermatologo potrebbe consigliare la rimozione dell’unghia tramite intervento

Ti piace l'articolo?

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin

Lascia un commento

Call Now ButtonContattaci!